Come aderire e sostenerci

Per realizzare le idee e i sogni che abbiamo e che avremo, ci occorre davvero tanto aiuto.

Ma che idee e sogni sono quelli di cui stiamo parlando? Ecco di cosa stiamo parlando: di quanto abbiamo realizzato finora e di quello che abbiamo in cantiere oggi.

Come puoi sostenerci?

  • aderisci all’Associazione tesserendoti. Basta contattarci e ci organizzeremo per un incontro e formalizzare l’iscrizione. Il costo della quota associativa è di €5,00, che comprende alcune coperture assicurative. Essere in tanti ci dà la forza competitiva e l’energia necessarie ad affrontare le grandi sfide.

 

  • fare una donazione volontaria quando vuoi e di qualsiasi importo. Ci serviranno per realizzare i tanti progetti che abbiamo messo in campo.  In tal caso abbi cura di comunicarci i dati (nome, cognome, cf) per poter farti avere la relativa ricevuta. Come?
    • contanti, durante gli eventi o contattandoci per un incontro con un incaricato dell’associazione per poterti dare la ricevuta;
    • bonifico bancario. IBAN: IT09 U085 4221 0040 5900 0258 189. Inserisci come causale “Donazione volontaria e liberale per Associazione Amici dello Scoiattolo”. Contattaci ed inviaci i tuoi dati per poterti inviare la ricevuta. Sappi che se fai la donazione con bonifico l’importo è deducibile dai redditi.

 

  • partecipa ai nostri eventi e ai nostri laboratori in cui costruiamo e realizziamo i nostri progetti per migliorare l’esperienza del Nido Scoiattolo ma anche per promuovere la nostra visione educativa;

 

  • aiutaci a fare le varie attività di cui ha bisogno l’associazione, a seconda delle tue capacità e disponibilità: la nostra Associazione non ha reparti amministrativi o simili, per cui tutto quanto facciamo e divulghiamo è grazie allo sforzo degli associati e della loro opera volontaria e gratuita. Se siamo in tanti a contribuire, sarà più semplice e piacevole per tutti;

 

  • devolvi alla nostra associazione l’5×1000 in fase di dichiarazione: a te non costa niente, per noi vuol dire tanto. E per farti capire che la nostra storia è “fatta di fatti” ecco come abbiamo utilizzato finora i fondi raccolti.